Non puoi immaginare che loro (e lei) abbiano suonato la fisarmonica

Vi presento un viaggio di 200 anni di artisti misteriosi che hanno suonato la fisarmonica, anche se non sono conosciuti per quello. Quattro personaggi famosi per le loro capacità di scrittura, cinema e canto. Grandi artisti. Volete venire con me a conoscerli?

Charles Dickens (1812-1870)

La sua infanzia è stata più che altro una storia dell’orrore, anche se lo ha ispirato a creare le sue opere più conosciute. Da bambino suo padre andò in prigione e, come era tipico di quel periodo, portò con sé tutta la sua famiglia. L’unico che si salvò fu Charles perché era troppo giovane.

Charles aveva poco tempo per andare a scuola, a 12 anni lavorava già in una fabbrica tessile. Ha imparato il pianoforte e il violino, ma gli insegnanti non hanno una grande considerazione di lui. Comunque, Dickens perseverò.
Non appena ha iniziato a fare soldi con i suoi romanzi, Charles Dickens ha comprato una fisarmonica. Poi un pianoforte.
Gli piacevano le canzoni popolari, Mozart e i musicisti del suo tempo. Andava a tutti i concerti che poteva e si teneva aggiornato sulla musica del suo tempo.

Charlie Chaplin (1889 – 1977)

Non c’è dubbio che Charles Chaplin avesse delle doti musicali, perché i suoi genitori erano cantanti e attori di varietà.
In effetti, hanno avuto un certo successo, soprattutto la loro madre.

Il padre era un alcolizzato e ha finito per abbandonare la moglie e i due figli. La madre cantava per vivere, anche se la sua voce stava cominciando a perdere la voce. Infatti, quando Charlie aveva cinque anni, nel bel mezzo di una canzone, non riusciva più ad andare avanti. Così, Chaplin salì sul palco e la imitò. Il pubblico scoppiò a ridere. Quello fu il suo primo spettacolo.

LumaSuite blog- 4 famous people who played accordion. Bruce Willis, Ella Fiztzerald, Charlie Chaplin and Charles Dickens.

Ella Fiztzeral (1917-1996)

Vincitrice di 14 Grammy Awards, insieme a Billie Holiday e Sarah Vaughan, è la più importante cantante della storia del jazz. La sua infanzia è stata drammatica, segnata dalla povertà, dall’abbandono del padre e dalla morte della madre. Le piaceva ancora ballare, suonare il piano e cantare in un coro scolastico.
Ella finì per scappare da casa, dalla scuola, dal riformatorio e persino da un ospizio. Quello da cui non è scappata è stato l’ascolto delle registrazioni radiofoniche di Louis Armstrong e delle Sorelle Boswell.
A 17 anni ha vinto un concorso di canto all’Apollo Theater di New York. Ella cantò una versione di una canzone nello stile di una delle sorelle Boswell, che ammirava molto.

Bruce Willis (1955)

Sapete che Bruce ha iniziato il teatro per superare la balbuzie? Fu durante l’adolescenza, dopo la separazione dei genitori. Con parole sue:

Parlavo a malapena. Avevo bisogno di tre minuti per completare una frase. Era opprimente per qualcuno che voleva esprimersi agli altri, e che voleva essere ascoltato, ma semplicemente non ci riusciva. Era terribile.

Solo quando ho assunto il ruolo di un personaggio in un’opera teatrale ho perso il mio balbettio. È stato fenomenale”.

Nel 1987, ha iniziato come musicista registrando un album pop-blues, ‘The Return of Bruno’, che includeva la hit ‘Respect Yourself’. Nel 1989 ha pubblicato il suo secondo album di musica soul.
La critica ha elogiato la voce bluesy di Bruce e la sua eccellente padronanza dell’armonica.