A fine settembre si è tenuta l’edizione più internazionale del PIF (Premio Internazionale della Fisarmonica). Questo concorso si svolge da 44 anni nella città italiana di Castelfidardo, con meno di 20.000 abitanti. E perché? Perché lî nascono ogni giorno, le più preziose fisarmoniche presenti sul mercato mondiale. Ecco dove siamo andati.

Se vuoi conoscere dettagli come la giuria, i premi o il programma di quest’anno, controlla la pagina ufficiale del concorso.

LumaSuite-PIF 2019 Premio prize Castelfidardo

Questo è lo stand che abbiamo allestito

Guarda lo Luma Stand di Via Matteotti 8, in quella che era stata una profumeria. Sono stata contentissima di rivedere Vincenzo e Valentina da Edizioni musicali Barvin. Valentina è con me nella prima foto e Vincenzo indossa i pantaloni gialli. Inoltre, abbiamo condiviso lo spazio con gli inventori dei microfoni brasiliani Harmonik.

La mia migliore foto insieme a Valentina

Lo Luma Stand appena montato

Con Isabel il primo giorno

Custodie che viaggiano

Abbiamo portato due modelli di custodie: quella ad Edizione limitata e la Nuova edizione.

La differenza fondamentale tra i due modelli è che la Nuova Edizione non può essere divisa (vedi le prime due foto). Pertanto, questa versione è più comoda e veloce da montare. Ti dirò subito che l’abbiamo sviluppata attivamente con un gruppo di fisarmonicisti italiani e francesi, cercando di condividere le esigenze di molti altri professionisti.

La Nuova Edizione e dentro la Jupiter

La Nuova Edizione e dentro la Scandalli BJP-442

L’Edizione Limitata sulle strade di Castelfidardo

Riflessi sull’Edizione Limitata

Visitatori illustri

Migliaia di ringraziamenti a tutti coloro che hanno visitato lo showroom. Come ho detto prima, c’è stato il nostro Dream Team della Nuova Edizione: Giuseppe Scigliano, Walter di Girolamo e Angelo Miele. Peccato che Alexandre Prusse non fosse in Italia. Un abbraccio molto affettuoso ad Antonio Spaccarotella, che ha preso molti cataloghi per diffonderli, e Owen Murray, che ci ha visitato OGNI GIORNO. La verità è che tutti noi abbiamo fatto buon uso degli specchi ;)

L’ultimo giorno abbiamo incontrato Patrizia da Italcinte, con cui stiamo sviluppando nuove cinte più comodi per i fisarmonicisti con i corpi più piccoli. Non appena le avremo, lo pubblicheremo nella newsletter.

Provando la Pigini Mythos di Giuseppe

Angelo è un bravo modello

Giuseppe osa saltare con la fisarmonica addosso

Walter si guarda pensieroso

Con Serim, Antonio ed Egidio

L’ultimo giorno insime a Giancarlo e Owen