Trucchi casalinghi e professionali per fare amicizia con i tuoi vicini, anche quando suoni i passaggi difficili

Negli ultimi mesi abbiamo vissuto più che mai a casa, e siamo stati anche limitati ad andare alle sale prova. Suonare a casa è fantastico, ma siccome è quasi l’unica opzione, lascia che ti dia alcuni suggerimenti per insonorizzare la tua stanza. I vicini ti ameranno di più. Anche tu.

Custodie personalizzate per violino, violoncello e fisarmonica LumaSuite. LumaSuite Maider.

Le basi dell’assorbimento acustico del rumore e la musica

Qual è la chiave per INSONORIZZARE una stanza? Che le vibrazioni sonore non passino agli elementi costruttivi comuni, come tramezzi e struttura.
Come lo ottieni? Creazione di uno spazio “FLOTTANTE” all’interno della stanza.

Lo spazio flottante garantisce che le vibrazioni non vengano trasmesse all’edificio. Per questo, è necessario isolare pareti, soffitto, pavimento e carpenteria. E che le pareti e i soffitti dello spazio non tocchino direttamente la stanza.

Quindi, uno strato di isolamento viene posizionato tra la stanza preesistente e il nuovo spazio fluttuante. Ci sono diversi modi per farlo, ma tutti hanno in comune il rivestimento di superfici con materiali assorbenti.

Che cos’è un materiale assorbente?

È quello che trasforma l’energia sonora in calore all’interno. Sono sempre materiali porosi; ce ne sono di diversi tipi e qualità.

Qual è il materiale migliore per assorbire il suono?

  • Fibre vegetali: carta, cartone, balle di paglia, ma anche prodotti più sofisticati come il Kenaf (una pianta che cresce in Italia)
  • Fibre minerali: la lana di roccia è la più comune, sebbene adesso vengano introdotti isolanti acustici naturali come lana minerale o cellulosa. Questi isolanti acustici naturali sono caratterizzati da un’elevata capacità assorbente. L’isolamento ecologico ha buone prestazioni acustiche e termiche, ma è anche naturale, riciclabile e compatibile con l’ambiente.
  • Foam (schiuma):
    • Polistirene espanso. È un materiale plastico espanso, derivato dal petrolio e utilizzato negli imballaggi e nelle costruzioni. Igienico e resistente all’umidità.
    • Schiuma di poliuretano. Questo prodotto, combinato con altri materiali (come le gomme naturali), è molto efficace nel ridurre la trasmissione dei suoni, smorzare le vibrazioni ed eliminare le risonanze.
    • Il materiale della schiuma di cellulosa ha un potere di isolamento termico accettabile ed è un buon fonoassorbente. 100% ignifugo, bianco e veloce da installare.

Questi materiali sono combinati con il cartongesso per dare la finitura finale, su pareti e soffitto. Si forma così il famoso Pladur. Maggiore è la sua densità, più isola.

Ogni lastra di cartongesso sostiene un certo peso, generalmente non più di 15 chili, e il suo prezzo medio al metro quadro è di € 15-20. Inoltre, sono disponibili piastre Pladur specifiche per l’isolamento acustico (con perforazioni).

Quali materiali non vengono utilizzati per insonorizzare una stanza?

Finiture non porose. Ad esempio, cemento, vetro, cemento e terrazzo. Normalmente assorbono meno del 5%, specialmente alle basse frequenze.

Trucchi fatti in casa senza spendere tanti soldi

Se non vuoi investire molti soldi e hai bisogno di migliorare un po’ la trasmissione acustica, applica queste idee. Non ti isolano acusticamente, ma smorzano un po’ il rumore/ la musica che fai.

  1. Tappeti: i tappeti fungono da ostacolo per impedire al suono di penetrare e rimbalzare sul pavimento. Forse è la soluzione più semplice ed economica. Sai, più è spesso, più isola.
  2. Librerie pieni di libri. In fondo la carta è un materiale molto poroso: un’alta percentuale di essa è aria (dal 15 al 70% a seconda della tipologia). Più libri hanno, più il suono sarà attutito. È anche molto utile posizionare armadi o mobili da parete a parete o riempirli con specchi o immagini che fungono da barriera.
  3. Le tende e i tappeti realizzati con tessuti consistenti (velluto, lino molto spesso, velluto a coste) aiutano ad assorbire le onde sonore. Alcune marche di tende “acustiche” hanno una tecnologia speciale che riduce il rumore esterno di 7 decibel.
  4. Vetri per isolamento acustico. La versione economica per le finestre insonorizzate sono le coperte termiche.
  5. Tessuti acustici. Sono caratterizzati dall’avere un assorbimento in funzione della frequenza. Maggiore è lo spessore, la densità e la distanza di installazione rispetto alle pareti, aumenta il suo potere isolante. Gli spessori più spessi coprono una gamma di frequenze più ampia (dai suoni acuti a quelli bassi). Gli spessori più piccoli agiscono in modo più efficiente verso gli alti, facendo cadere le loro prestazioni nei bassi. Quindi i suoni acuti sono più facilmente assorbibili dei suoni bassi.
  6. La pittura isolante creata dalla NASA è a base di lattice e acqua. Questa vernice contiene microsfere, resina e filtri, che creano una membrana in grado di ridurre il suono del 30%.
    Il blog di LumaSuite insonorizza la stanza di casa

    Attenua il suono della tua casa con tende, tappeti e libri. Foto: rivista El Mueble.

Isolare la stanza in modo professionale

Come abbiamo già accennato, si tratta di creare una stanza fluttuante all’interno della tua sala prove. Un cubo fluttuante che non tocca l’edificio e non riesce a trasmettere vibrazioni. Ci sono diversi modi per farlo e molti materiali. Tutto dipende dal livello e dall’investimento che vuoi fare.

Per quanto riguarda la determinazione dei prezzi, è complicato, poiché dipende dai materiali e dalla manodopera in ciascun paese. Se vuoi fare qualcosa del genere a casa, ti consiglio di chiedere diversi preventivi ad aziende specializzate nella tua zona.

La cosa normale è rivestire il soffitto, il pavimento e le pareti con diversi strati di materiali con densità diverse, tra cui almeno: isolamento, una barriera acustica, uno strato di massa e la finitura. Tutto questo si capisce meglio in un video:

Riepilogo: quali sono le chiavi per insonorizzare la stanza in cui provo?

  • Scegli i materiali appropriati.
  • Evita la trasmissione di vibrazioni all’edificio.
  • Rivesti pareti e soffitti con materiali porosi e densi.
  • Verifica che l’isolamento sia continuo.

Ringraziamenti

Penso molto a quello che dico e ancora di più a quello che scrivo. Pertanto, prima di pubblicare l’articolo, l’ho passato all’ l’architetto Estíbaliz.

Grazie mille per la tua saggezza Esti. E a te, per aver letto fin qui :)

A proposito di prove, leggi il seguente articolo e scopri le ultime notizie da provare con strumentisti a fiato.